sabato 5 luglio 2014

Pulire la lavastoviglie - How to clean the dishwasher like a pro


Ciao a tutti!!

Allora, dopo che ho traslocato mi sono trovata già con una cucina e la mitica lavastoviglie... Ovviamente con tutti i problemi annessi relativi alla cura e manutenzione, che evidentemente gli inquilini precedenti non avevano fatto.

Ma veniamo a noi.

Come pulire la lavastoviglie dopo che è stata ferma un mese, ma soprattutto che manutenzione possiamo fare per renderla funzional risparmiando sia corrente che acqua.





1) Settare l'addolcitore sul corretto grado di durezza dell'acqua del proprio paese.

Spulciando in rete, o nel sito del servizio di fornitura delle acqua, è possibile sapere la durezza dell'acqua dell'acquedotto. 
Una volta conosciuto questo dato è possibile settare l'addolcitore sul grado di durezza dell'acqua: fondamentale per non usare troppo sale che potrebbe risultare in stoviglie ricoperte da una patina bianca.




2) Pulizia del filtro e ugelli

Un altro step fondamentale per l'efficace del lavaggio è pulire il filtro dove potrebbero accumularsi residui di cibo. Si smonta e lo si pulisce sotto l'acqua corrente. Poi lo si rimonta chiudendolo bene. 
Stessa cosa per gli ugelli superiori di irroramento: aggiungo un bel po di aceto e lascio fluire. 


 
3) Verificare lo stato di calcare sulle resistenze

Se è presente del calcare la prima cosa da fare è dare una bella pulita con l'aceto, ovvero riempiamo un contenitore in plastica, per lavastoviglie, con aceto e lo mettiamo nello scomparto superiore azionando 1 o 2 lavaggi completi a vuoto.




4) Caricare le stoviglie nel modo corretto

Si deve lasciare che l'acqua, e quindi anche il detersivo, raggiungano le stoviglie, sia da sopra che da sotto. 
E' pertanto fondamentale e importante non ricoprire le stoviglie mettendoci sopra pentole o altro, ma lasciare sempre un pò di spazio.




5) Usare un buon detersivo e brillantante possibilmente ECO-Friendly

Per le pastiglie da lavastoviglie non c'è bisogno di spendere una cifra, basta farsele in casa, come le Pastiglie per lavastoviglie DIY.
Brillantante? eccolo qua... l'Aceto!. Anche qui riempite la vaschetta e settate la quantità di brillantante da rilasciare durante la fase di risciacquo finale.





6) Odori molesti

Anche in questo caso la soluzione è semplice:
- Pulire il filtro
- Cospargere i bordi interni con del bicarbonato di sodio
- Mettere uno spicchio di limone dentro il cestello delle posate
- Lasciare sempre lo sportello leggermente aperto per lasciare che l'acqua residua asciughi e non ristagni.



V.
Leggi tutto

Ciao a tutti!!

Allora, dopo che ho traslocato mi sono trovata già con una cucina e la mitica lavastoviglie... Ovviamente con tutti i problemi annessi relativi alla cura e manutenzione, che evidentemente gli inquilini precedenti non avevano fatto.

Ma veniamo a noi.

Come pulire la lavastoviglie dopo che è stata ferma un mese, ma soprattutto che manutenzione possiamo fare per renderla funzional risparmiando sia corrente che acqua.





1) Settare l'addolcitore sul corretto grado di durezza dell'acqua del proprio paese.

Spulciando in rete, o nel sito del servizio di fornitura delle acqua, è possibile sapere la durezza dell'acqua dell'acquedotto. 
Una volta conosciuto questo dato è possibile settare l'addolcitore sul grado di durezza dell'acqua: fondamentale per non usare troppo sale che potrebbe risultare in stoviglie ricoperte da una patina bianca.




2) Pulizia del filtro e ugelli

Un altro step fondamentale per l'efficace del lavaggio è pulire il filtro dove potrebbero accumularsi residui di cibo. Si smonta e lo si pulisce sotto l'acqua corrente. Poi lo si rimonta chiudendolo bene. 
Stessa cosa per gli ugelli superiori di irroramento: aggiungo un bel po di aceto e lascio fluire. 


 
3) Verificare lo stato di calcare sulle resistenze

Se è presente del calcare la prima cosa da fare è dare una bella pulita con l'aceto, ovvero riempiamo un contenitore in plastica, per lavastoviglie, con aceto e lo mettiamo nello scomparto superiore azionando 1 o 2 lavaggi completi a vuoto.




4) Caricare le stoviglie nel modo corretto

Si deve lasciare che l'acqua, e quindi anche il detersivo, raggiungano le stoviglie, sia da sopra che da sotto. 
E' pertanto fondamentale e importante non ricoprire le stoviglie mettendoci sopra pentole o altro, ma lasciare sempre un pò di spazio.




5) Usare un buon detersivo e brillantante possibilmente ECO-Friendly

Per le pastiglie da lavastoviglie non c'è bisogno di spendere una cifra, basta farsele in casa, come le Pastiglie per lavastoviglie DIY.
Brillantante? eccolo qua... l'Aceto!. Anche qui riempite la vaschetta e settate la quantità di brillantante da rilasciare durante la fase di risciacquo finale.





6) Odori molesti

Anche in questo caso la soluzione è semplice:
- Pulire il filtro
- Cospargere i bordi interni con del bicarbonato di sodio
- Mettere uno spicchio di limone dentro il cestello delle posate
- Lasciare sempre lo sportello leggermente aperto per lasciare che l'acqua residua asciughi e non ristagni.



V.

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento verrà singolarmente moderato a posteriori perciò:
-se non avete un account, per cortesia, firmatevi :-) mi piace sapere almeno il nome di chi mi scrive;
-lo spam verrà cancellato, così come qualunque commento considerato irrispettoso, maleducato, ecc....
Grazie per la vostra collaborazione! ^^