giovedì 3 gennaio 2013

Come lavarsi i capelli senza shampoo: Bicarbonato + soluzione di aceto o acido citrico



Ciao a tutti!!

Questo è un post che scrivo perchè mi sono avvicinata a questo metodo di lavaggio/cura della cute solo da 3 mesi e mai avrei pensato potesse essere così efficace, un vero e proprio sostitutivo in tutto e per tutto agli shampoo e balsami in commercio.
Pertanto vorrei con questo post dare la mia personale versione e impressioni su questo metodo alternativo.

Il metodo "No Poo", che sta per "Non-Shampoo" è un sistema molto in voga negli USA già da anni e che da qualche tempo si è diffuso anche in Italia. 
Questo "nuovo" sistema di lavaggio si è fatto largo per molte ragioni: risparmio, eco-compatibilità, adatto per chi ha problemi di capelli grassi, sfibrati, secchi e/o allergie ai comuni shampoo in commercio,
Questo metodo non è altro che il sistema usato prima del 1930 quando entrarono in commercio i primi detergenti per capelli a base di tensioattivi e siliconi lucidanti.

Un giorno, casualmente, mi imbattei in un video su you tube dove una ragazza americana descriveva il "no poo method" in cui dimostrava che ci si poteva lavare i capelli con solo bicarbonato e aceto di mele (oltre ad altri metodi che riporto qui).

Ho quindi ulteriormente approfondito in rete scoprendo questo metodo (riporto di seguito le pagine che ho consultato a mia volta)

http://en.wikipedia.org/wiki/No_poo

Gli ingredienti sono molto semplici:

- 1 o 2 cucchiai di Bicarbonato di sodio in 1 tazza di acqua calda (o una pappetta di bicarbonato)
- 1/2 Aceto di mele + 1/2 acqua o una soluzione di acido citrico al 2% finale (2 g in 100 g di acqua)

La transizione da uno shampoo commerciale, costituito da tensioattivi solforati e siliconi, al metodo no poo con bicarbonato deve essere però effettuata gradualmente.

Mi spiego meglio.

L'ideale è effettuare la transizione in 2 step differenti:

1) da shampoo commerciale a shampoo no sles e no siliconi (INCI: acqua, aloe vera gel, decyl glucoside, betaina, olio mandorle dolci, xantana, acido lattico, sorbato potassio/benzoato di sodio).
I capelli inizialmente durano puliti si e no 1-2 giorni, ingrassandosi molto velocemente vicino alla cute.
Il lavaggio successivo però ha visibilmente migliorato lo stato dei capelli/cute allungando il lavaggio a 2-3 gg.
Proseguire in questo modo per almeno 1 mese.

2) Passare dallo shampoo no sles/siliconi al metodo no poo.
Creare con il bicarbonato di sodio una pappetta con acqua calda e frizionarla solamente sulla cute massaggiando molto bene per togliere il grasso adeso alla cute e capelli.
Risciacquare molto bene con acqua.
Effettuare poi un risciacquo finale con una soluzione costituita da 50% decotto rosmarino (o anche solo acqua) + 50% aceto di mele (meglio se aromatizzato con scorze d'arancia/pompelmo o lavanda). Se non vi piace l'odore che l'aceto vi lascia in testa potete sostituirlo facilmente con una soluzione acidica al 2% finale di acido citrico (inodore).

Non risciacquare ma semplicemente asciugare i capelli tamponando con un'asciugamano e procedendo con l'asciugatura. 
Se volete potete anche mettere, solo sulle punte ancora bagnate un pizzico di burro di cocco, giusto un pochino... ma veramente poco.

Come Vi dicevo la prima volta che l'ho provato sotto la doccia ero abbastanza scettica, pensavo che si rovinassero, già mi vedevo con capelli stopposi e poco puliti e invece... Rivelazione! capelli pulitissimi, lucidi, morbidi, setosi, disciplinati e quindi PULITI!!! Ma soprattutto la cute è rimasta linda per 3 giorni!!!

Ho quindi deciso di continuare con questo metodo in quanto l'ho trovato veramente efficace.

Ma comprendiamo perchè questo metodo "basic" funziona così bene:

- Bicarbonato di sodio: sono note da tempo le sue proprietà benefiche per la nostra pelle. Sulla cute in particolare i cristalli di sale esercitano, se opportunamente frizionati, un'azione meccanica che "gratta via" il grasso dalla cute e capelli.

- Aceto (di mele o bianco)o Acido citrico 2%: con la sua acidità riporta il pH della cute al valore ottimale di 4.5. Inoltre chiude le squame del capello riducendo le doppie punte e rendendo lucidi e puliti i capelli che risultano anche al tatto molto più morbidi e soffici. 
L'odore di aceto tende a svanire quasi subito, anche se è possibile usarlo aromatizzato con qualche scorza d'arancio e/o fiori di lavanda, (vedere questo post per ottenere un aceto naturalmente aromatizzato all'arancio/pompelmo). 

Risultati.

Dopo 3 settimane di utilizzo di  questo metodo posto le foto di come sono i capelli al giorno 0, giorno 2 e giorno 3.

appena lavati


3° giorno

2° giorno




















Il 3° giorno sulla cute si nota un leggero ingrassamento che ho "eliminato" semplicemente spazzolando molto bene con una spazzola a setole fitte dalla cute fino alle punte. 
In questo modo l'olio/grasso dalla cute si disperde lungo tutta la lunghezza prolungandone la pulizia.

In alternativa potete usare uno shampoo secco diy descritto qui.

Dopo 3 giorni dal lavaggio con il no poo i capelli non puzzano assolutamente e sono morbidi e setosi
Questo però dopo 3 settimane dall'utilizzo. 
Se lo provate anche Voi noterete che con il passare delle settimane i capelli e la cute diventeranno sempre più restii all'ingrassamento, questo perchè togliendo siliconi e tensioattivi solforati il capello è meno stressato, senza una copertura chimica la cute si auto-regola nella produzione di grasso e quindi ne produrrà sempre meno.
Ripeto, la transizione da shampoo commerciale a "no-poo" è appunto una transizione per cui ci vuole tempo e pazienza, ma in 2 mesi già potrete notare il miglioramento. 
Se volete provare a passare da shampoo commerciale direttamente a no-poo, senza passare da uno shampoo delicato con INCI fatto da tensioattivi naturali non solforati, sappiate che all'inizio il risultato sarà deludente, ma dopo 1 mese già potrete vedere il beneficio.
La soluzione sta nell'aver pazienza nel lasciare che il nostro corpo si auto-regoli prendendosi il tempo necessario a disintossicare la cute da tutte le sostanze chimiche di cui lo ricopriamo da anni.




V.

Leggi tutto



Ciao a tutti!!

Questo è un post che scrivo perchè mi sono avvicinata a questo metodo di lavaggio/cura della cute solo da 3 mesi e mai avrei pensato potesse essere così efficace, un vero e proprio sostitutivo in tutto e per tutto agli shampoo e balsami in commercio.
Pertanto vorrei con questo post dare la mia personale versione e impressioni su questo metodo alternativo.

Il metodo "No Poo", che sta per "Non-Shampoo" è un sistema molto in voga negli USA già da anni e che da qualche tempo si è diffuso anche in Italia. 
Questo "nuovo" sistema di lavaggio si è fatto largo per molte ragioni: risparmio, eco-compatibilità, adatto per chi ha problemi di capelli grassi, sfibrati, secchi e/o allergie ai comuni shampoo in commercio,
Questo metodo non è altro che il sistema usato prima del 1930 quando entrarono in commercio i primi detergenti per capelli a base di tensioattivi e siliconi lucidanti.

Un giorno, casualmente, mi imbattei in un video su you tube dove una ragazza americana descriveva il "no poo method" in cui dimostrava che ci si poteva lavare i capelli con solo bicarbonato e aceto di mele (oltre ad altri metodi che riporto qui).

Ho quindi ulteriormente approfondito in rete scoprendo questo metodo (riporto di seguito le pagine che ho consultato a mia volta)

http://en.wikipedia.org/wiki/No_poo

Gli ingredienti sono molto semplici:

- 1 o 2 cucchiai di Bicarbonato di sodio in 1 tazza di acqua calda (o una pappetta di bicarbonato)
- 1/2 Aceto di mele + 1/2 acqua o una soluzione di acido citrico al 2% finale (2 g in 100 g di acqua)

La transizione da uno shampoo commerciale, costituito da tensioattivi solforati e siliconi, al metodo no poo con bicarbonato deve essere però effettuata gradualmente.

Mi spiego meglio.

L'ideale è effettuare la transizione in 2 step differenti:

1) da shampoo commerciale a shampoo no sles e no siliconi (INCI: acqua, aloe vera gel, decyl glucoside, betaina, olio mandorle dolci, xantana, acido lattico, sorbato potassio/benzoato di sodio).
I capelli inizialmente durano puliti si e no 1-2 giorni, ingrassandosi molto velocemente vicino alla cute.
Il lavaggio successivo però ha visibilmente migliorato lo stato dei capelli/cute allungando il lavaggio a 2-3 gg.
Proseguire in questo modo per almeno 1 mese.

2) Passare dallo shampoo no sles/siliconi al metodo no poo.
Creare con il bicarbonato di sodio una pappetta con acqua calda e frizionarla solamente sulla cute massaggiando molto bene per togliere il grasso adeso alla cute e capelli.
Risciacquare molto bene con acqua.
Effettuare poi un risciacquo finale con una soluzione costituita da 50% decotto rosmarino (o anche solo acqua) + 50% aceto di mele (meglio se aromatizzato con scorze d'arancia/pompelmo o lavanda). Se non vi piace l'odore che l'aceto vi lascia in testa potete sostituirlo facilmente con una soluzione acidica al 2% finale di acido citrico (inodore).

Non risciacquare ma semplicemente asciugare i capelli tamponando con un'asciugamano e procedendo con l'asciugatura. 
Se volete potete anche mettere, solo sulle punte ancora bagnate un pizzico di burro di cocco, giusto un pochino... ma veramente poco.

Come Vi dicevo la prima volta che l'ho provato sotto la doccia ero abbastanza scettica, pensavo che si rovinassero, già mi vedevo con capelli stopposi e poco puliti e invece... Rivelazione! capelli pulitissimi, lucidi, morbidi, setosi, disciplinati e quindi PULITI!!! Ma soprattutto la cute è rimasta linda per 3 giorni!!!

Ho quindi deciso di continuare con questo metodo in quanto l'ho trovato veramente efficace.

Ma comprendiamo perchè questo metodo "basic" funziona così bene:

- Bicarbonato di sodio: sono note da tempo le sue proprietà benefiche per la nostra pelle. Sulla cute in particolare i cristalli di sale esercitano, se opportunamente frizionati, un'azione meccanica che "gratta via" il grasso dalla cute e capelli.

- Aceto (di mele o bianco)o Acido citrico 2%: con la sua acidità riporta il pH della cute al valore ottimale di 4.5. Inoltre chiude le squame del capello riducendo le doppie punte e rendendo lucidi e puliti i capelli che risultano anche al tatto molto più morbidi e soffici. 
L'odore di aceto tende a svanire quasi subito, anche se è possibile usarlo aromatizzato con qualche scorza d'arancio e/o fiori di lavanda, (vedere questo post per ottenere un aceto naturalmente aromatizzato all'arancio/pompelmo). 

Risultati.

Dopo 3 settimane di utilizzo di  questo metodo posto le foto di come sono i capelli al giorno 0, giorno 2 e giorno 3.

appena lavati


3° giorno

2° giorno




















Il 3° giorno sulla cute si nota un leggero ingrassamento che ho "eliminato" semplicemente spazzolando molto bene con una spazzola a setole fitte dalla cute fino alle punte. 
In questo modo l'olio/grasso dalla cute si disperde lungo tutta la lunghezza prolungandone la pulizia.

In alternativa potete usare uno shampoo secco diy descritto qui.

Dopo 3 giorni dal lavaggio con il no poo i capelli non puzzano assolutamente e sono morbidi e setosi
Questo però dopo 3 settimane dall'utilizzo. 
Se lo provate anche Voi noterete che con il passare delle settimane i capelli e la cute diventeranno sempre più restii all'ingrassamento, questo perchè togliendo siliconi e tensioattivi solforati il capello è meno stressato, senza una copertura chimica la cute si auto-regola nella produzione di grasso e quindi ne produrrà sempre meno.
Ripeto, la transizione da shampoo commerciale a "no-poo" è appunto una transizione per cui ci vuole tempo e pazienza, ma in 2 mesi già potrete notare il miglioramento. 
Se volete provare a passare da shampoo commerciale direttamente a no-poo, senza passare da uno shampoo delicato con INCI fatto da tensioattivi naturali non solforati, sappiate che all'inizio il risultato sarà deludente, ma dopo 1 mese già potrete vedere il beneficio.
La soluzione sta nell'aver pazienza nel lasciare che il nostro corpo si auto-regoli prendendosi il tempo necessario a disintossicare la cute da tutte le sostanze chimiche di cui lo ricopriamo da anni.




V.

34 commenti:

  1. Ciao :) ho già provato questo metodo due volte e la prima volta sono rimasta soddisfatta, la seconda volta no, ma penso di aver sbagliato il procedimento. Devo proprio creare una pappetta con il bicarbonato e non scioglierlo nella tazza? Perchè infatti mi sembrava un po' strano il fatto di scioglierlo nell'acqua. Ho i capelli lunghi a metà schiena, due cucchiai sono sufficienti?
    Grazie se mi riponderai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. :-)
      Inanzitutto grazie per esser passata e avermi posto la domanda.
      Io uso una pappetta perchè sola acqua satura mi sembrava che facesse effetivamente poco. Inoltre la pappetta fa un effetto meccanico che effettivamnete sgrassa e toglie le sporcizie sia dalla cute che dal capello. L'ho usato anche ieri sera perchè con la psoriasi sulla cute è l'unico metodo funzionante, almeno per me.
      I miei capelli son poco sotto le spalle e molto fini.
      Credo che anzichè fare a cucchiaini sia meglio che ti prendi una tazza e metterci dell'acqua, e poi dentro tanto bicarbonato fino a formare una pappetta semi-liquida. Puoi usare anche il gel d'aloe al posto dell'acqua, è ottimo per i capelli, li lascia morbidissimi e puliti. Non scordarti il rinse finale con acqua/aceto per riportare il ph a 5 e chiudere le squame. :-)
      Se stai invece usando il no-poo dopo aver usato i comuni shampoo in commercio (quelli con i siliconi) può essere che ti ci voglia almeno un mese di adattamento. Anche a me subito ha funzionato, poi la seconda settimana era una tragedia, ma poi sono tornati in carreggiata e ora stanno molto meglio. Più sani e forti, e lucidi :-)
      Spero di esserti stata utile.
      Saluti
      V.
      p.s. consultando molti siti USA dove lo usano già da molti anni leggo sempre che alla fine ognuno lo deve adattare al suo capello e lunghezza. Cè chi si trova bene con l'acqua satura, chi con la pappetta, chi anche con solo acqua... :-)

      Elimina
  2. Grazie mille per avermi risposto :) Sei stata molto chiara, quindi oggi proverò a farlo bene ;)
    Il gel all'aloe lo trovo al supermercato? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :-)

      Si lo trovi al super, quello della Equilibra mi pare, ma costa sugli 8€ al tubetto. Io ho risparmiato e ho preso il puro succo da 1l a 10€ e l'ho gelificato con la gomma xantana ;-) la gomma xantana la si compra da internet se non ce l'hai già)... Mi ricordo che avevo fatto un no-poo anche con il gel ai semi di lino ora che ci penso...:-)

      V.

      Elimina
  3. E se uso solo aceto di mele? O i capelli molto grassi , molto ricci e sopratutto o moltissimi capelli cerco un buon rimedio xche a furia di cambiare sciampo o la cute molto irritata e mi provoca prurito veramente fastidioso e doloroso grazie se vuoi rispondere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Con solo aceto non ho mi provato, ma credo che forse sia un pò troppo acido anche per la cute.
      se hai i capelli molto grassi ti consiglio di usare il metodo no-poo ... e non usare balsami o impacchi...
      Il no-poo impiegherà un mese/due mesi per entrare a regime, però risolverà il problema cute grassa... Il bicarbonato/gel d'aloe leniscono il prurito...e sgrassano il capello meccanicamente senza sostanze chimiche come gli shampoo commerciali...
      Però solo aceto come rinse finale mi sembra un effetto urto, però se vuoi provare fai pure, poi dimmi come ti trovi :-)
      V.

      p.s. stasera provo a lavarmi i capelli con succo di limone e cetriolo frullato, non sono sporchi però mi va di provare un altro metodo :-)

      Elimina
  4. ciao scusa volevo chiederti se lavarsi i capelli con aceto di mele misto ad acqua ha delle controindicazioni. me li sto lavando da un mese e sono meno oliosi ma volevo sapere cosa ne pensi. grazie.
    ale

    RispondiElimina
  5. Ciao!
    Devo dire che mi hai incuriosito non poco!
    Io ho capelli fini e grassi ma con le punte che si rovinano e rompono velocemente. Mi chiedevo: usi anche qualche balsamo per i capelli o qualche altro "nutriente"?
    Grazie in anticipo! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Sulle punte uso, a fine lavaggio con capelli umidi, un olio leggerissimo tipo caprylys, coco silicone, o altro leggero addizionato con oe di limone e rosmarino... 3 spruzzate nel palmo della mano e poi a tamponare le punte leggermente. Ho notato le punte più resistenti e sode.
      V.

      Elimina
  6. L'ho provato ieri, perchè mi sentivo in vena di esperimenti (e perchè ho lavato i capelli il pomeriggio invece che la sera o la mattina come al solito....), però ho fatto il risciacquo con l'acido citrico ben diluito invece che con l'aceto.
    Onestamente, una favola. Anche la resa finale, e posso esserne sicura, perchè ho tragicamente finito il gel di aloe che uso come "fissante", quindi per la prima volta dall'infanzia ho i capelli senza spuma/fissativo/gel. Giusto una goccia di olio di semi di lino sulle punte sempre sfibrate. I capelli sono un po' "svaporelli", quindi molto leggeri e volatili, ma non è un male visto che sono riccioloni che mi arrivano quasi alla vita. Onestamente non ricordo l'ultima volta che li ho sentiti così belli, forse un po' secchi, ma appunto, sono sfibrati..
    Quindi grazie per il tutorial! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non eri una no-poo addicted probabilmente la prima settimana li troverai belli, ma la seconda potresti avere qualche problema di capelli grassi prima del tempo. Con l acido citrico ho notato anche io un maggior effetto svaporino .... a breve pubblichero un altro ottimo no-poo che uso al posto di questo :-) ... e un post riassuntivo sul metodo dopo un anno di no-poo :-).
      L olio sulle punte lo uso anche io, ma un ol'io sintetico e leggero, perché li ho molto fini. Ad oggi li lavo dopo un3-4 gg tirando avanti con un dry no-poo ...
      V.

      Elimina
    2. Effettivamente provengo da shampoo classici, ho usato prima uno shampo bio, poi uno shampo commerciale per bambini con un cortissimo inci (anche se penso pessimo, ma almeno era senza siliconi.. diciamo detersivo per pavimenti! :D ) che però ultimamente stavo usando molto diluito.
      In genere i miei capelli tengono abbastanza, nonostante la lunghezza si sporcano poco (sopratutto da quando ho smesso di usare fissativi vari e mi sono limitata solo all'aloe).
      Comunque ci riprovo al prossimo shampo (siamo al terzo giorno e mia sorella, che soffre di capelli grassi, oggi mi invidiava la "secchezza" dei miei!) e poi vediamo. Mi è piaciuto troppo, mi si ammorbiscono anche tanto le mani :)
      Attendo con ansia il tuo post allora :)

      Elimina
    3. Sono al terzo shampino bicarbonato + acido citrico :)
      Finora, tutto bene, si sporcano nella media e la resa estetica è penso la migliore provata fino ad ora!
      L'acido citrico mi mette i ricci in piega (ma lo devo sciacquare o no? perchè se non lo sciacquo un pochino me li fa troppo rigidi!) anche se mi secca un po' le punte maltrattate... da ieri sto provando una soluzione di acqua e lecitina che pare essere molto nutriente e un poco di olio di cocco... per ora sono setosi e potrei aver trovato la soluzione definitiva, vediamo sul lungo periodo! :)
      Sono quasi tentata di lasciar perdere le polverine indiane... :P

      Elimina
    4. Uhmm.... l'aceto di mele/acqua non lo risciacquo.... mi ricordo che però effettivamente l'acido citrico tende a seccare le punte, ed è per quello che uso un olio leggero e sintetico con olii essenziali solo sulle punte bagnate... Io ho capelli mossi lunghi fin sotto le spalle e fini, quindi tendenti all'ingrasso...
      Le polveri indiane sono ottime per me, quindi non ne posso più far a meno... se solo riuscissi a connettermi ad aromazone uff!
      Ma spiegami un'attimo sta soluzione di acqua/lecitina e olio di cocco... la lecitina ci avevo pensato ma fin'ora non l'ho mai provata come balsamo finale... sempre se la usi cosi...:-) spiegami meglio please che potrei provarla... dimmi a che percentuale la usi e tutto:-)

      Elimina
    5. Hai provato a cambiare browser quando vai su AromaZone? (magari ci avrai già pensato, ma è la prima cosa che mi è venuta in mente!).
      C'è davvero poco da spiegare e lo faccio assai volentieri :D
      Un cucchiaino raso di lecitina in poco meno di 200 ml (un bicchiere circa), lasciato qualche ora a sciogliersi. Quando si è "gonfiata", ho trasferito il tutto in uno spruzzino, però avevo letto che troppa lecitina tende a fare "blocco" allora ho aggiunto ancora un dito di acqua perchè volevo provarla subito e preferivo un effetto leggero al dover fare uno shampo di sera ;) ho aggiunto anche qualche goccia di essenza profumata (presa in erboristeria, teoricamente naturale, praticamente non so, ma l'ho aggiunta in scrub, candele e la uso anche come profumo direttamente sulla pelle. Penso esista di meglio!). Shakerato il tutto e messo in frigo.
      In pratica la vaporizzo sui capelli, in particolar modo sulle punte (ogni mattina, perchè i ricci hanno bisogno di essere un po' ravvivati...) e a chioma umida prendo una punta di olio di cocco, lo sciolgo bene tra le mani e lo "sovrappongo" alla lecitina. Poi un po' di diffusore e avviene il miracolo, da stoppa a seta.
      Sono tre giorni e finora non ho problemi nè di unto, nè di pesantezza. Mi tiene anche discretamente il ricciolo senza farmelo "aprire". Come vedi io non sono proprio capace di fare cose complesse! Sono sicura che tu potrai fare miracoli :D (io invece adesso che ho l'olio di cocco devo provare a fare il tuo gel con l'aloe... ma ho finito l'aloe! xD )
      PS: lecitina+cocco batte ampiamente l'olio di semi di lino di una nota marca cosmetico-erboristica, il cui effetto unto mi impedisce di usarlo quotidianamente.
      PPS: sai consigliarmi un conservante da comprare (quando riuscirò a fare un ordine su AZ) per la mia acqua e lecitina?

      Elimina
    6. Su aromazone forse la domenica in fase di pagamento non andava il trasferimento... riproverò infrasettimana prossima :-) uso chrome cmq perchè ho snapseed integrato per la modifica delle foto di g+ :-p.

      Allora per la tua lozione alla lecitina se ho capito bene:
      1) sciogliere un cucchiaino scarso in un bicchiere d'acqua
      2) mettere in uno spruzzino/vaporizzatore e aggiungere qualche goccia di oe di limone/rosmarino (che funzionano veramente! :-))
      3)spruzzare sulle punte umide ma tamponate
      ..... devo assolutamente provare! :-)
      ... al momento mi trovo bene con gel d'aloe+gel semi di lino e poco olio sintetico leggero.... ma proprio poco perchè li ho molto fini, anche se son tanti...:-)
      L'olio di semi di lino è pesante come olio e lascia veramente unto il capello.... l'olio di cocco se ben dosato con i gel non è pesante e lascia veramente i capelli morbidi e non unti...

      per il conservante il cosgard è il migliore: 100 ml a 7€ e qlcs e ti dura tanto perchè per 100ml se ne usano solo 16gt :-)

      Elimina
  7. Ciao, sto facendo questo metodo già la 3. settimana. Dal primo lavaggio i miei capelli sono secchissimi, faccio fatica a pettinarmi e non sono per niente lucidi. Pure mi sembra di perdere tanti ogni volta che mi pettino. Faccio cca 1 cucchiaio di bicarbonato con un po di acqua, massaggio, risciacquo e poi risciacquo con 1 bicchiere di acqua e 1 cucchiaio di aceto di mele.
    Dove sbaglio???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      allora premetto che il.bicarbonato tende a seccarli un po.. pero ti consiglio di massaggiare solo la cute e di non lavare le lunghezze.

      Elimina
  8. Ciao! Vorrei provare questo metodo, ma vorrei delle info prima.
    Capita di passare giorni ospiti da amici oppure in viaggio, come si fa? Si può usare un shampoo classico e riprendere con il bicarbonato oppure si vanifica il percorso?
    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,

      mi capita in ferie spesso, allorchè uso una pappetta di shikakai già pronta che mi porto da casa, oppure diluisco uno shampoo eco, lavando sempre e solo la cute.
      V.

      Elimina
    2. E dal parrucchiere? ��

      Elimina
    3. bisogna portare dal parrucchiere il no-poo. io non vado a farmeli tagliare dal 2011, per un discorso economico visto che mi prendeva 30 euro solo di taglio.
      comunque anche dal parrucchiere si può fare. sicuramente dirà di no, però insistendo....
      V.

      Elimina
  9. Ciao!
    È quasi un mese che uso questo metodo.
    I capelli sinceramente sono supermorbidi, non c è paragone rispetto a prima.
    Però c è un contro: si sporcano prima! :(
    Al secondo giorno sono da lavare per forza, mentre prima riuscivo a tirare fino al terzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      si lo so. anche a me era capitato. però non ho ceduto e ho continuato. subito puliti poi dopo 2 settimane duravano pochissimo. continuando con pazienza è migliorato.
      V.

      Elimina
  10. Ciao ho sempre lavato i capello con qualsiasi shampo, oggi ho provato per la prima volta acqua e bicarbonato e ultimo risciacquo con acqua e aceto di mele. Io ho capello grassissimi con problemi di seborrea oleosa, volevo sapere se i prossimi shampi devo farli nello stesso modo e.per quanto temo devo andare avanti? premetto che oggi i capelli erano bellissimi puliti e morbidi. Mi hanno anche detto.che fa male usare per troppo tempo il bicarbonato è vero? grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,

      il passaggio da shampoo a no poo è graduale.... le prime due settimane ti troverai bene, poi penserai che si sporchino prima e infine li laverei ogni 4/5 gg.
      Questo tipo di no poo tende a seccare i capelli, ecco perchè con il tempo lo puoi sostituire con la shikakai, una polvere lavante che consiglio.
      Ti consiglio di fare una pappetta di bicarbonato abbastanza liquida e di usare una soluzione di acqua/aceto diluita 4:1.
      i raccomando lava solo la cute massaggiando per bene.

      V.

      Elimina
  11. Ciao!mi piacerebbe passare definitivamente a un sistema di lavaggio 'no poo'. L'unica cosa che mi frena e' che ho i capelli molto trattati (colpi di sole a deco, tantissimi e finissimi, il risultato è' che sono praticamente bianca). Nonostante tutto, i capelli sono, non dico sani, ma messi bene, perché i colpi li faccio solo due volte l'anno e li curo molto (maschere e impacchi, tutti naturali e fatti in casa). Vorrei staccarmi definitivamente da quei pochi prodotti che ancora uso, ma la mia paura e' non riuscire più ad infilarci nemmeno un dito. Ad esempio, l'aceto di mele già lo uso,ma lo accompagno ad una crema. Ho tantissimi capelli e molto fini,di lunghezza medio/lunga e ho dei problemi di desquamazione. Tu mi sembri ben informata,sapresti darmi qualche dritta? Grazie mille!

    RispondiElimina
  12. Ero molto incuriosita dalla cosa e dato che a causa di una tinta nera i miei capelli avevano perso il riccio ero stra curiosa.
    La prima volta non erano male, ma...
    La seconda volta una volta asciutti erano pastori. Da li in poi sempre peggio. Al 5 lavaggio dopo aver provato ogni volta a modificare leggermente le quantità di bicarbonato ero disperata e ho ceduto, e ho usato lo shampoo.
    Cosa mi consigli?
    Di solito usavo due cucchiaini di bicarbonato facendo la pappetta e spalmandola sula cute. Sciacquavo benissimo e facevo un risciacquo con due cucchiaini di aceto di mele e una tazza di acqua e poi risciacquavo nuovamente...
    La penultima volta sembrava avessero ripreso il mosso.
    Cosa mi consigli?

    Clara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clara,
      allora...
      ti dirò che sarebbe meglio tu continuassi con questo sistema ma, se preferisci variare ti posso dire di usare uno shampoo eco, diluirlo in un altro contenitore con del bicarbonato e acqua e lavarti con quello. Poi risciaqui sempre con acqua e aceto.
      Il trucco di questo metodo sta nella pazienza.. almeno un mese di pazienza... subito lavaggi distanziati poi ti sembreranno subito sporchi, infine di nuovo puliti... Tutto sta nella pazienza e nell'attesa che il metodo faccia il suo effetto.
      Cordialmente

      Elimina
  13. Ciao Virginia, avrei un paio di domanda da farti. Ho i capelli fini e grassi. Nell'ultimo anno ho apportato due grandi modifiche alle mie solite abitudini: 1) ho evitato di colorarli visto che facevo un riflessante nella speranza di seccarli un pò e 2) sono passata agli shampoo senza siliconi,parabeni e sles.Li ho anche tagliati corti(sotto le orecchie). Ma in realtà non ho risolto nulla. Il gg che li lavo sono belli, il gg dopo ahimè paiono come se avessi rovesciato una bottiglia d'olio sulla cute. Negli ultimi mesi sono spuntati poi tanti capelli bianchi proprio davanti e quindi quindici gg fà ho fatto un riflessante che nn ha siliconi nella crema ma nell'ammoniaca si. Ahimè però questa è stata l'unica soluzione che la mia pettinatrice è riuscita a trovare per coprire i capelli bianchi. Alcune volte per non lavare i capelli spesso uso uno shampoo secco home made (1 cucchiaio di amido di mais, 1 cucchiaio di bicarbonato, 1/4 di cucchiaio di cacao in polvere). Secondo te, dal no poo riuscirò a trarre benefici nonostante la necessità di colorarli?Senza colore non posso stare (quei fili bianchi mi danno un aspetto che non mi piace ed ho solo 40 anni!). Ma tu hai mai sentito di colorazioni bio (senza siliconi & co.)?Grazie per i consigli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Isa Q!
      Allora, premetto che io i capelli li tingo con l'hennè da qualche anno e fidati copre benissimo i capelli bianchi... perchè ne ho qualcuno anche io :-).
      Il no-poo è un metodo ottimo ma prende molto tempo, almeno 1 mese e mezzo di adattamento. Ti consiglio anche qualce goccia di tea tree oil per i capelli grassi da massaggiare sulla cute durante lo shampoo.
      Il capello diventa grasso perchè la cute libera grasso, quindi evidentemente c'è qualcosa che va a seccare molto la cute che produce altrto sebo.
      Ti consiglio il no-poo o in pappetta o più diluito, e poi un lavaggio con acqua e aceto ma non troppo aceto.
      Prova e fammi sapere.
      V.

      Elimina
    2. Grazie!Ci proverò allora e ti aggiornerò!

      Elimina
  14. Ragazzi, perché cercare qualcosa strano per lavare i cappelli, ci sono i rimedi buoni per carare il corpo ed i cappelli. Se volete qualcosa naturale leggete dei rimedi https://www.psoeasy.com/it/
    troverete tanta informazione utile ed interessante

    RispondiElimina

Ogni commento verrà singolarmente moderato a posteriori perciò:
-se non avete un account, per cortesia, firmatevi :-) mi piace sapere almeno il nome di chi mi scrive;
-lo spam verrà cancellato, così come qualunque commento considerato irrispettoso, maleducato, ecc....
Grazie per la vostra collaborazione! ^^