mercoledì 3 aprile 2013

Come ottenere un bagnoschiuma da saponetta solida

Ciao a tutti!
Vi siete mai chiesti come si può ottenere una quantità nettamente superiore di bagnoschiuma partendo da una semplice saponetta? Ecco qui il metodo più semplice in assoluto per avere litri di "sapone liquido" a costo zero.
Dal momento che sta finendo il mio bagnoschiuma Naturetica purezza, ho pensato che fosse stato meglio non ricrearselo con i tensioattivi ma riciclare delle saponette acquistate l'anno scorso al mercatino medioevale.

Perchè rilavorare una saponetta?
Per ottenere una quantità 5 volte maggiore di bagnosciuma, più economico e facilmente utilizzabile

Come si fa?
Semplice. 
Si grattuggia o si taglia a tocchetti molto piccoli una saponetta e si mette una quantità d'acqua molto calda pari a 5 volte il peso del sapone tagliato. Si aggiungono 2 cucchiaini di aceto di mele e si lascia riposare al caldo per almeno 24 h, magari scuotendolo di tanto in tanto. (Io l'ho messo sul davanzale al sole)


Il sapone rilavorato in forma liquida non avrà la densità di un bagnoschiuma, per ottenere quella densità si deve gelificare con gomma di xantana o altro gelificante. 
Io ho provato a gelificare con xantan gum a pioggia sopra l'intero contenuto del vasetto e a frullare a piccoli colpi onde evitare che schiumi tutto. Ho anche acidificato con poche gocce di una soluzione di acido citrico al 20% per abbassare un pò il pH e togliere quella sensazione di tiraggio sulla pelle che lasciano i saponi casalinghi.
Ho poi aggiunto un cucchiaio di oleolito di camomilla e mescolato lentamente, fino a che non è un pò diminuito l'effetto tiraggio.

13 commenti:

  1. Brava!
    Toglimi una curiosità, come mai l'aceto di mele?
    Ora ti dico come ho fatto il sapone bucato/per piatti seguendo i consigli del libro di Erbaviola, tanto per scambio di esperienze :)
    Se non ricordo male le dosi sono 500 gr di marsiglia puro, 4 l di acqua.
    Lasciato una notte in ammollo. Messo sul fuoco e fatto andare ad ebollizione (proprio un attimo perchè altrimenti trabocca). Immagino che questa simil bollitura abbia lo scopo di uccidere eventuali batteri, ma è una mia idea.
    Avvolta la pentola in una coperta e invasato il giorno dopo.
    Per il bucato ho aggiunto un po' di oe di lavanda ma non ho voluto esagerare (noi liguri siamo tirchi).
    Onestamente pensavo, una volta finiti i bagnoschiuma che ho in dispensa, di usarlo anche per il corpo, non so però se questo faccia tirare la pelle.. lavando i piatti non mi sembra, però forse non ci ho fatto troppo caso.

    Comunque grazie per la ricettina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! .. allora l' aceto l' ho messo perchè abbassa un pò il pH del sapone home made che da quella sensazione di tiraggio sulla pelle. Io l' ho rilavorata per usarla proprio come un bagnoschiuma :-) ... Poi dentro ci ho messo anche qualche goccia di oleolito per renderlo piú idratante :-).. qualche goccia di conservante e stop... con 2 euro hai 500 ml di bagnoschiuma ;-)

      Elimina
    2. Capito tutto, grazie mille per le spiegazioni sono state chiarissime!
      Però.... Permetti che io manifesti tutta la mia ignoranza? :D
      Allora, mi hai detto qualche goccia di conservante e deduco che sia l'acido citrico (sono affezionata lettrice delle etichette alimentari). Acido citrico che io ho in casa (monoidrato, se non erro) perchè uso in soluzione al 15/20% come ammorbidente in lavatrice (e lo adoro!).
      Quindi io posso usarlo anche come conservante in questi prodottini?
      Perchè insomma tutto questo sapone liquido ho il terrore che mi vada a male (non tanto per il costo, quanto per la fatica dell'aver gratuggiato il sapone solido...), posso quindi secondo te aggiungere qualche goccia di acido citrico in soluzione al 20%?
      Ovviamente da questa domanda a chiedere se posso usarlo anche nei prodotti ad esempio per i capelli (gel ai semi di lino, ad esempio) il passo è breve... (ho come la sensazione che il cosgard la mia farmacia non riuscirebbe a trovarmelo nemmeno in sette vite...)
      Abbi pazienza se chiedo, lo so che dovrei mettermi su un forum e leggere invece di cercare la pappa pronta, ma con la eco cosmesi mi sa che ho qualche problema relazionale X)
      Ti ringrazio se riuscirai a rispondermi!

      Elimina
    3. :-) che simpatica che sei :-)
      allora, ho messo dentro oltre a qualche goccia di aceto anche dell'acido citrico al 20% per diminuire il tiraggio ed effetivamente funziona.
      Ho messo meno dell'0.6% di cosgard, l'ho comprato su aroma zone... :-) Se no, ti compri del sorbato di potassio e del benzoato di sodio, fai due soluzioni al 10%, e poi le usi insieme al 2.5% finale :-). Alcune farmacie li vendono questi conservanti naturali alimentari :-)
      Cmq, come avrai capito, i miei sono esperimento andati bene :-) ecco perchè metto le ricette, poi sta al gusto di ognuno personalizzarsi le cose :-) Io ho anche l'acido citrico e allora ho preferito usarlo, più che altro per diminuire il pH ... Altrtimenti se vuoi conservare senza cosgard ne altri conservanti devi fare una soluzione al 40% di fruttosio :-) e funziona!
      Fammi sapere... Per il bucato ho ancora la fortuna di farmelo fare ;-) però m sto ingegnango con delle polveri fai da te :-)

      Elimina
    4. Scusate l'intromissione. Una soluzione al 40% di fruttosio.. Mi spieghi meglio? 40% sul prodotto finale o una cosa a parte che poi usi in base alle necessità? Sono agli inizi e mi è difficile anche lavorare in generale a percentuali mmh.. grazie! (:

      Elimina
    5. Ciao!
      Provo a veder se riesco a spiegarmi semplicemente ...
      Una soluzione al 40% di zucchero, in questo caso fruttosio, preserva il prodotto... Come quando si fanno le marmellate, dove la metà è zucchero.
      Il 40% di fruttosio deve essere sul volume finale, quindi se hai 100 g di acqua, devi pesare 40g di fruttosio e portare a 100g con acqua, in questo modo avrai una soluzione al 40% di fruttosio.
      Solitamente uso il fruttosio quando sono alla fine del Cosgard e, per risparmiarlo, preferisco usare lo zucchero.
      Fammi sapere se ti sei trovata.
      V.

      Elimina
    6. Ciao.
      Scusate, mi intrometto anche io sull'argomento... Ho appena scoperto questo favoloso blog, mi sono appassionata da poco a questa categoria del fai da te... Quindi scusa, se ho capito bene, se preparo 100 gr di questo composto (40 g di fruttosio + tanta acqua per arrivare a 100 gr) lo posso tenere da parte ed utilizzare come conservante per qualsiasi preparato, facendo a meno del cosgard? Se sì, in quali percentuali + o - lo devo aggiungere rispetto alla dose di prodotto finale, ammesso che si possa dare una regola? Grazie mille
      Federica

      Elimina
    7. Ciao.
      allora provo a spiegarmi facilmente ;-).
      Il sapone fatto in casa o di marsiglia del super ha un pH basico, inadatto per muffe o altro. Al momento sto usando il sapone liquido da saponetta solida fatta in casa scioglliendo il sapone in acqua in rapporto 1:4... e dopo un mese è ancora sano! ..
      il fruttosio al 40% finale lo uso nei detergenti con tensioattivi e infusi al posto del cosgard, e conserva benissimo: in pratica sul volume finale di preparato ( shampoo, detergente, eccc) il 40% deve essere fruttosio.
      Non puoi preparare una soluzione gia pronta da aggiungere, in quanto inserendolo nelle preparazioni non sarebbe più il 40% finale. Se riusciste a fare una miscela con l'80% di fruttosio probabilmente diluendolo poi nel prodotto desiderato con % finale del 40% allora si potrebbe fare.
      Fammi sapere se t è chiaro :-)

      Elimina
    8. http://virginia82.blogspot.it/2013/02/detergente-viso-al-citrato-e-frutti-di_10.html?m=1
      qua ce una ricetta con l uso del fruttosio come conservante

      Elimina
    9. Grazie mille. Sei stata chiarissima, scusa ma essendo alle prime armi alcuni concetti devo ancora assimilarli bene..
      Proverò sicuramente questa ricetta, se volessi aggiungere il tea tree oil per rendere il preparato antibatterico quante gocce mi consigli x ml di prodotto finale?
      Grazie ancora
      Federica

      Elimina
    10. Per un antibatterico potresti usare l'1% finale di oe tea tree, quindi 1 g su 100g di preparazione. Considera però che non profuma molto di buono, e che potrebbe essere irritante.
      Ti consiglio di cominciare con 10-15 gocce. Al limite se ti trovi bene puoi provare ad aggiungerne altre 5gocce dentro la confezione dove avrai conservato la tua preparazione.
      V.

      Elimina
    11. In realtà l'ho usato già in un'altra preparazione, in quantità bassa ma casuale :( ed effettivamente l'odore mi da un pò fastidio... La seconda volta che la preparavo ho aggiunto o.e. di limone per abbattere un pò l'odore del tea tree oil, vedo che anche tu li hai combinati nella ricetta del detergente che mi hai linkato ieri.
      Grazie mille e scusa se ti ho massacrato con i miei dubbi.
      Buona giornata
      Federica

      Elimina
  2. Ehm, ancora una cosa.... se passi da me, ti aspetta un premio virtuale da ritirare!! :)

    RispondiElimina

Ogni commento verrà singolarmente moderato a posteriori perciò:
-se non avete un account, per cortesia, firmatevi :-) mi piace sapere almeno il nome di chi mi scrive;
-lo spam verrà cancellato, così come qualunque commento considerato irrispettoso, maleducato, ecc....
Grazie per la vostra collaborazione! ^^